Perché cercare un’alternativa all’alcool isopropilico?

Staff Blog, Informazione, Novità Leave a Comment

L’alcool isopropilico è il liquido più utilizzato per la pulizia delle stampe 3D in resina.

Negli ultimi anni però il numero di detergenti sostitutivi si è moltiplicato. Ma se l’alcool isopropilico garantisce una pulizia ottimale, perché cercare un’alternativa?

Infiammabile

alcool isopropilico infiammabile imgL’alcool isopropilico è infiammabile, questo garantisce un basso livello di sicurezza, sia durante l’utilizzo sia nello stoccaggio. Alcuni sistemi di lavaggio per modelli di piccole dimensioni possono richiedere fino a 8 litri di liquido da utilizzare in un unica vasca e quelli per modelli di grandi dimensioni anche 40 litri.

Odore

alcool isopropilico odore imgEvaporando a temperature non elevate l’odore dell’alcool si diffonde facilmente nello spazio circostante. In un ambiente di lavoro questo può essere problematico, soprattutto tenendo conto che l’odore dell’alcool isopropilico è molto forte e può risultare fastidioso.

Trasporto

trasporto imgTrattandosi di un prodotto infiammabile e pericoloso, l’alcool deve essere trasportato con accorgimenti particolari. Per questa tipologia di merci i corrieri hanno tariffe speciali più elevate. Dunque il trasporto diventa pericoloso se effettuato di persona e anche più costoso se effettuato tramite corriere.

rifiuto speciale img

Rifiuto speciale

L’alcool isopropilico non può essere riutilizzato e deve essere smaltito come rifiuto speciale. E’ dunque necessario seguire delle precise procedure, che hanno anch’esse un costo economico.

Cosa cambia se scelgo di utilizzare un detergente alternativo all’alcool isopropilico?

L’alcool isopropilico è al momento il liquido che, tenendo presente le varie tipologie di resine esistenti, consente di effettuare una pulizia migliore dei modelli stampati in 3D.

I detergenti, avendo un grado di evaporazione inferiore all’alcool (solitamente simile a quello dell’acqua), richiedono di effettuare un successivo lavaggio con acqua calda, prima della polimerizzazione con fornetto UV. Questa stessa caratteristica però fa sì che l’odore si diffonda meno nell’aria.

Questi liquidi non infiammabili e non pericolosi consentono di avere un ambiente di lavoro più sicuro e di dover sostenere meno spese per il trasporto e lo smaltimento.

Per quanto riguarda il trasporto possono essere infatti spediti come merci standard. Per quanto riguarda lo smaltimento invece possono essere riutilizzati più volte per la pulizia dei modelli 3D. E’ infatti possibile filtrare questi liquidi dai residui di resina. Come?

Se vuoi informazioni specifiche sui detergenti contattaci!

Oppure puoi provare direttamente Liquidtech BT, non infiammabile e non pericoloso. Questo liquido è disponibile in confezioni da 2.5, 5 e 10 litri, ma se vuoi testarlo puoi anche richiedere un campione gratuito!

Campione gratuito liquidtech img

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.